PosturaPro

LA SOLUZIONE DEFINITIVA PER DIRE ADDIO AI TUOI DOLORI
SENZA DIPENDERE DA TERAPISTI E ANTIDOLORIFICI
Dott.Raffaele Nannini

Ecco I 7 ERRORI da evitare come la peste, se vuoi guarire dall’ernia del disco lombare

7 errori da evitare come la peste se hai l'ernia del discoL’ernia del disco è una patologia che dopo i 40 anni colpisce una persona su due.

Pur essendo così frequente, le persone colpite da ernia del disco lombare non sanno realmente cosa è l’ernia, sanno solamente che è una terribile e che la loro vita non sarà più la stessa, perché i dolori provocati dall’ernia del disco sono lancinanti e sentirai un coltello piantato nella schiena, che ti costringe a stare a letto e l’unico modo per alleviare il dolore sono le punture di antidolorifico.

COSA È L’ERNIA DEL DISCO?

Prima di tutto devi sapere che il disco è posto tra le vertebre della colonna lombare e ha la funzione di cuscinetto, ovvero ammortizza i carichi della colonna vertebrale.

Il disco vertebrale è molto simile ad una cipolla tagliata a metà, infatti è fatto ad anelli esternamente e al centro ha una parte gelatinosa, il nucleo polposo.

L’ernia si forma quando il nucleo polposo rompe la parte fibrosa del disco, cioè la parte esterna ed esce fuori, simile all’acqua che fa un buco in una diga.

Quindi il nucleo polposo che esce dal disco va comprimere i nervi spinali, provocandoti dolori lancinanti come un coltello che ti trafigge la schiena, in più potrai sentire sensazioni come, formicolii alle gambe e il dolore che s’irradia dalla schiena fino a tutto l’arto inferiore, fino ad arrivare al piede.

Come ho scritto i dischi si trovano su tutta la colonna vertebrale, dal collo quindi dalla cervicale fino al sacro. Allora perché nel titolo ho scritto solo ernia del disco lombare?

Ho parlato di ernia del disco lombare perché è la più diffusa e in particolare tra L5-S1, questo per 2 motivi:

  • è il punto più sovraccaricato della schiena, perché è il punto finale della nostra schiena e viene sovraccaricato in particolare quando siamo seduti.
  • è un punto di snodo detto ‘cerniera’, in quanto è il passaggio tra colonna lombare e sacro. Infatti quando flettiamo la schiena per prendere una cosa a terra senza piegare le gambe, lo snodo L5-S1 è il punto maggiormente stressato, non a caso molte persone si bloccano con la schiena facendo proprio questo movimento.

Il nemico principale dei dischi intetervertebrali è la SEDIA!

Questo perché stando seduto te pensi di riposare la schiena, invece questa si sforza di più e a farne le spese sono proprio i dischi intervertebrali. Studi scientifici hanno dimostrato che il disco inizia a soffrire dopo 20 minuti che stiamo seduti.

Immagina lo sforzo che fa la tua schiena e il tuo disco se passi gran parte della giornata seduto…

Passare molte ore seduto durante la giornata, è un fattore che incide molto sulla salute della tua schiena, ma non è l’unico, infatti ci sono altri fattori come:

  • assenza di attività fisica
  • posture scorrette
  • sovrappeso
  • traumi come fratture o distorsioni a ginocchio o caviglia
  • incidenti in auto o in moto
  • sport in quanto il gesto tecnico può stressare la schiena
  • cicatrici

Quindi l’ernia è solo la manifestazione di un problema che ti porti dietro da molti anni.

Se ci pensi, prima di bloccarti la schiena ogni tanto ti aveva mandato dei seganli, ad esempio la mattina quando ti alzavi sentivi la schiena rigida e ti sembrava di avere un blocco di marmo, oppure ti faceva un po’ male, ma tu non ci facevi molto caso, al limite prendevi un antidolorifico per eliminare il dolore.

Infatti quando il dolore sparisce, pensi che il problema è risolto e tu riprendi la vita di tutti i giorni come se la tua schiena non avesse problemi, fin quando un giorno fletti la schiena per prendere una cosa in terra o fai un movimento brusco, la tua schiena si blocca e ti sembra che di avere un coltello piantato nella schiena e urli dal dolore o rimani senza fiato dal dolore a tal punto da non riuscire nemmeno a urlare…e pensi:

Il colpo della strega!

Il colpo della strega arriva così quando meno te l’aspetti.

A quel punto vai dal dottore e farai la risonanza magnetica per vedere se c’hai un’ernia.

Se dai risultati scopri che hai un’ernia, pensi che la tua vita sarà diversa, perché:

  • non potrai alzare oggetti pesanti
  • avrai paura nell’abbassarti per prendere in braccio tuo figlio o tuo nipote
  • non potrai più correre o fare sport
  • l’unica soluzione sarà farti operare
  • l’unica attività che potrai fare sarà nuoto o pilates
  • non potrai fare lavori pesanti come lavori di muratura o di giardinaggio in cui stai in posizioni scomode

Se queste paure le hai anche tu continua a leggere perché ti scoprirai i 7 errori da evitare nel caso hai l’ernia.

Continua a leggere…

Vediamo quali sono i 7 ERRORI da evitare come la peste se hai l’ernia del disco lombare, conoscere ed evitare di commettere questi errori, ti permetteranno di:

  • Risolvere definitivamente il problema
  • Curare il vera causa che ha provocato l’ernia
  • Imbottirti di antidolorifici, che finiranno per rovinarti lo stomaco senza risolvere davvero il problema
  • Sapere quali sono le attività e i movimenti da fare per evitare che la tua ernia peggiori, evitando così paure e ansie come, non posso fare sforzi altrimenti mi farò male, non posso più fare sport, non guarirò mai dall’ernia.
  • Curare l’ernia in modo naturale e non invasivo, senza i rischi e le conseguenze che comporta l’operazione, costringendoti a stare fermo a letto per molti giorni e con il rischio che il problema possa tornare di nuovo.
  • Avere di nuovo la schiena sana, potrai tornare a fare la vita di prima, senza paura che l’ernia torni di nuovo.

 

Ecco i 7 ERRORI da evitare…

 

1. PER GUARIRE DALL’ERNIA DEL DISCO BASTA L’ ANTIDOLORIFICO E IL RIPOSO

Ho un mal di schiena schianto, non riesco  nemmeno a stare in piedi o a mettermi seduto, prendo una bella puntura di Voltaren e mi sdraio sul letto così il dolore sparisce e domani torno come nuovo!

Hai mai fatto questo ragionamento?

Purtroppo pensiamo che il problema sia solo quando si manifesta il dolore, se il dolore sparisce allora vuol dire che il problema è risolto.

Questo modo di curare le problematiche è ci è stato insegnato dalla medicina e dai medici, perché fin a quando eri bambino, quando avevi una malattia come raffreddore, febbre, o altre malattie, ti veniva dato il farmaco per guarire dalla malattia.

Quando hai l’ernia l’antidolorifico non basta per eliminare definitivamente il problema come ti fanno credere i medici perché:

  • cura il sintomo e non la vera causa del problema
  • svanito l’effetto dell’antidolorifico il dolore torna nuovamente
  • con il passare del tempo non farà più effetto, perché il tuo corpo sarà diventato tollerante, cioè si sarà abituato al farmaco, come succede ai drogati di eroina, che hanno bisogno di aumentare la dose fino a quando l’eroina non fa più effetto
  • andando avanti nel tempo avrai effetti collaterali come nausea, vomito, diarrea, ulcerazioni a stomaco e intestino

Questo vuol dire che l’antidolorifico non ti guarisce dall’ernia, ma funziona da anestetico perché non ti fa sentire il dolore.

 

 

2. CON L’INTERVENTO CHIRURGICO GUARISCO DALL’ERNIA DEL DISCO PER SEMPRE

L’unica soluzione per guarire dall’ernia è l’intervento chirurgico…

In certi casi operare l’ernia del disco è necessario e urgente per eliminare il problema come ad esempio:

  • sindrome della cauda equina
  • grave deficit neurologico

Questo non significa che è necessario operare tutte l’ernie del disco.

Infatti l’ernia non è il problema principale anche se in questo momento hai dolore, ma è importante eliminare la causa del problema, altrimenti il problema rischia di tornare.

Anche se le tecnologie mediche per l’interventi chirurgici sono sempre più all’avanguardia e sono sempre meno invasive, l’intervento chirurgico deve comunque creare delle ferite nel corpo dei pazienti per poter essere efficace. Nonostante le ferite siano piccole, queste lasciano dei segni nel corpo dei pazienti, ovvero le cicatrici, che possono essere motivo di problemi futuri.

A tal proposito gli svantaggi dell’intervento chirurgico per eliminare l’ernia sono:

  • crea instabilità tra le vertebre lombari, perché durante l’operazione viene tagliato il legamento giallo, un legamento fondamentale per mantenere stabili le vertebre.
  • aumenta la probabilità che l’ernia del disco torni nuovamente, a causa dell’instabilità provocata dal taglio del legamento giallo
  • non risolve la causa  che ha generato l’ernia
  • dopo l’intervento il tuo problema non sarà risolto, ma avrai bisogno comunque della ginnastica posturale per eliminare la vera causa dell’ernia.

Operandoti avrai un solo vantaggio che eliminerai il dolore nel breve termine.  A distanza di 5-10 anni però il dolore comparirà nuovamente, a causa delle cicatrici e dell’instabilità vertebrale dovuta al taglio del legamento giallo.

Infatti, gli studi scientifici fatti dalle università di tutto il mondo tra le persone operate e non operate, hanno dimostrato che nel lungo periodo, SOLO 1 paziente su 5 ottiene beneficio dall’operazione.

 

3. TI VIENE L’ERNIA DEL DISCO ALZANDO I I PESI

Questo errore è tra i più comuni, perché in passato negli anni ’80-‘90 la maggior parte di persone che soffrivano di ernia lombare, erano le persone che facevano lavori pesanti o chi faceva sport, soprattutto le persone che facevano i pesi in palestra.

Le cause che provocavano l’ernia a queste persone erano dovuti a:

  • movimenti sbagliati, in cui i pesi venivano alzati in modo sbagliato.
  • posture scorrette, per cui la colonna lombare era sovraccaricata.
  • traumi come infortuni o incidenti non recuperati completamente, ma curati solo con i farmaci.

Il mito che i pesi fanno male o alzare i pesi fa venire l’ernia, è dovuto proprio a questi comportamenti sbagliati, quindi ancora oggi le persone pensano che l’ernia sia causata da sforzi eccessivi o dall’alzare i pesi, ma non è così.

Infatti quando arrivano nel mio studio persone alle quali è stata diagnosticata un’ernia del disco lombare e chiedo come è successo, loro mi rispondono con aria incredula:

“ci credi che non ho fatto nessuno sforzo e non ho alzato oggetti pesanti? Mi sono solo piegato per prendere una cosa e quando sono arrivato a tirarmi su…TRAAAAAAK! Ho sentito una fitta alla schiena come se mi avessero dato una coltellata”.

Ai miei pazienti non gli sembra ancora possibile, come il semplice gesto che hanno eseguito ogni giorno, come quello di piegare la schiena per prendere le scarpe, possa avergli provocato un ernia, ma è proprio così.

Infatti le cause che provocano l’ernia lombare sono

  • stare molte ore seduto
  • assenza di attività fisica
  • posture scorrette
  • sovrappeso
  • traumi come fratture o distorsioni a ginocchio o caviglia
  • incidenti in auto o in moto
  • sport in quanto il gesto tecnico può stressare la schiena
  • cicatrici

Tra le cause puoi non ho scritto l’ETÀ, questo perché l’età è solo un aggravante di queste cause ma non è la causa del problema.

Mi spiego meglio, se hai 40 e hai fatto una vita sedentaria il fatto che ti è uscita l’ernia non è colpa dell’età, ma della vita sedentaria, il passare degli anni ha aggravato la tua situazione in quanto il tuo corpo a 40 anni non è più elastico come quando ne avevi 20, quindi è la somma di questi fattori che ha provocato l’ernia.

Così come l’età, la colpa non è da attribuire ai pesi stessi, ma al fatto che il tuo corpo non funziona più bene e ti muovi in maniera scorretta, ovviamente se alzi dei pesi facendo in movimento scorretto, i pesi aggravano solamente la situazione, quindi sono solo la goccia che fa traboccare il vaso.

Se fosse vero il contrario che sono i pesi a fare male, ogni volta che alzi i pesi ti uscirebbe l’ernia e  non ti uscirebbe l’ernia semplicemente piegandoti per prendere le scarpe.

Quindi i pesi sono secondari a questi due aspetti:

  • essere liberi di muoversi
  • eseguire i movimenti correttamente

Se rispetti questi due aspetti, alzare i pesi non creerà nessun danno!

 

4. L’ERNIA DEL DISCO DA SEMPRE DOLORE

Questo è un errore classico che moti medici e operatori nel mio settore possono incorrere.

Infatti non sempre i sintomi che manifesta il paziente sono provocati dall’ernia, anche se questa è presente.

Raffaele cosa dici! Io ho fatto la risonanza magnetica e mi hanno trovato un ERNIAAAAAA!!!

Non mi fraintendere, io non sto dicendo che non c’è l’ernia, ma sto dicendo che non tutte le ernie provocano il dolore, questo dipende in particolare dalle sue dimensioni, in quando se questa non comprime i tuoi nervi, l’ernia non ti darà dolore.

Detta in parole più semplici, immagina che il nervo sia un filo elettrico dove ci passa la tensione e l’ernia sia il tuo dito, se il tuo dito non tocca il filo elettrico tu non prendi la scossa, viceversa se con il dito tocchi il filo elettrico prendi la scossa.

Ecco la stessa cosa succede con l’ernia per avere dolore, è necessario che l’ernia comprima sui nervi, altrimenti l’ernia non da dolore.

 

Quindi gli esami diagnostici sono di aiuto per capire in maniera più dettagliata in quale condizione si trova la tua colonna vertebrale, ma non sono sufficienti per capire qual è la vera causa del problema.

Non sempre quello che vediamo è la causa del nostro dolore.

Infatti è per questo che le terapie mirate a eliminare l’ernia, come l’intervento chirurgico e l’ozono terapia, certe volte sono inefficaci, in quanto non risolvono la causa del problema, perché come abbiamo visto prima, l’ernia è solo la punta dell’iceberg e non la vera causa del problema.

In merito a questo ti faccio un esempio, durante una lezione a scuola di osteopatia, abbiamo fatto una clinica insieme al nostro docente dott. Andrea Manzotti, è venuto da noi un ragazzo di 17 anni che giocava a calcio a livello professionistico e aveva dolore lombare sinistro da più di un anno, aveva fatto una risonanza magnetica e dalla risonanza erano emerse due protusioni e un’ ernia lombare.

Era stato visitato da vari ortopedici, aveva fatto varie sedute di fisioterapia, senza successo. Si era sottoposto anche all’ozono terapia, ma senza ottenere beneficio, anzi l’ozono terapia gli aveva aumentato il dolore. Tanto è vero quando è arrivato da noi si definiva un soggetto incurabile.

Dopo averlo valutato, abbiamo capito che il suo problema non erano le protusioni e l’ernia, ma era dovuto a un problema muscolare, infatti grazie al trattamento osteopatico e agli esercizi posturali il suo dolore lombare sinistro è sparito.

Quindi non sempre quando ti viene diagnosticata l’ernia, vuol dire che è lei a provocare il dolore, ma è necessario fare una valutazione più approfondita per esserne certi.

5. MI HANNO DIAGNOSTICATO L’ERNIA DEL DISCO, NON GUARIRÒ MAI PIÙ…

Mi hanno diagnosticato l’ernia…oddio sono spacciato soffrirò per sempre di mal di schiena!

Hai pensato questa cosa?

Allora ti do una buona notizia, puoi guarire completamente dall’ernia, perché devi sapere che il corpo ha la capacità di autoguarirsi.

Sì hai letto bene il corpo ha la capacità di autoguarirsi…

Hai mai avuto il raffreddore o la febbre e questi sono passati anche senza prendere i farmaci?

Questo perché quando stai male il corpo ha la capacità di autoregolarsi ed autoguarirsi.

Infatti nel caso dell’ernia devi sapere che nei 6 mesi successivi riduce di 1/3 il suo volume, questo perché l’ernia è una sostanza gelatinosa costituita da circa il 90% di acqua e una volta espulsa dal disco, il disco si richiude e questa non ricevendo più il nutrimento dal nucleo del disco e fa come le piante quando smetti di annaffiale, piano piano si secca.

Ora ti faccio una domanda:

visto che l’ernia dopo qualche mese si riduce da sola, ha senso farsi operare, con tutti i rischi e le conseguenze negative che ne segue?

 

 

 6. HO L’ERNIA DEL DISCO, NON POSSO PIÙ FARE SFORZI COME ALZARE I PESI E FARE SPORT

Dopo che ti hanno diagnosticato l’ernia ti sei sentito dire:

  • riposo assoluto
  • non fare sforzi e mi raccomando non alzare i pesi
  • niente corsa o sport, altrimenti l’ernia continuerà a fare male e la situazione diventerà peggiore.
  • l’unico sport che potrai fare sarà il nuoto

Quindi associ a queste frasi che non potrai più fare attività fisica se non qualche passeggiata o il nuoto, altrimenti come fai uno sforzo più intenso, l’ernia ti darà dolore.

Ti ritrovi in quello che ho scritto?

Quello che ti hanno detto non è sbagliato, ma è necessario fare chiarezza.

Appena l’ernia esce, questa crea un’infiammazione sia a livello dei nervi che dei tessuti circostanti, quindi stare a riposo e prendere degli antinfiammatori aiuta ad eliminare il dolore.

Subito dopo la fase acuta è necessario muoversi e fare attività fisica per guarire dall’ernia del disco, perché l’ernia non è il problema principale, ma è il sintomo che la tua colonna lombare non sta funzionando correttamente.

Chiaramente il movimento e l’attività fisica devono essere mirati a risolvere le cause che hanno provocato l’ernia, ad esempio rigidità lombare, debolezza muscolare e in particolare degli addominali.

Per tornare a fare lo sport che ami o semplicemente vuoi riprendere la vita di tutti giorni, senza avere la paura di bloccarti nuovamente, è indispensabile fare degli esercizi posturali mirati a eliminare le cause che hanno provocato l’ernia.

7. IL NUOTO È L’ATTIVITÀ MIGLIORE PER L’ERNIA DEL DISCO

Hai l’ernia, allora devi fare nuoto…

Questo è quello che ti ha detto il medico…

Ancora oggi è dura da eliminare dalla testa dei medici questa credenza, purtroppo l’hai sentita dire talmente tante volte, che ormai ne sei convinto…

La verità però è un’altra…leggi attentamente!

Il motivo per cui fino a qualche anno fa si pensava che il nuoto fosse l’attività fisica per eccellenza nel curare il mal di schiena, era dovuto al fatto che l’acqua annulla la forza di gravità e quindi il corpo lavora in scarico senza gravare ulteriormente sulla schiena…

Questo è vero e fino a che sei in acqua non hai problemi…

Ora però voglio farti una domanda: tu vivi in acqua o fuori dall’acqua?

Almeno che tu non sia un pesce o Ariel la sirenetta della Disney, vivi sicuramente fuori dall’acqua ed è fuori dall’acqua che la tua schiena deve imparare a scaricare le tensioni.

In più uno studio fatto proprio in Italia dall’ ISICO (Istituto scientifico italiano sulla colonna vertebrale) sulla relazione tra il nuoto e la scoliosi, ha dimostrato che il nuoto peggiora le curve della colonna vertebrale e può provocare persino mal di schiena.

Capito?

Il nuoto può provocare persino MAL DI SCHIENA!!!

Ti dico questo non perché io ce l’ho con il nuoto, anzi io amo fare surf e ho fatto l’insegnate di nuoto per molti anni e secondo me tutte le persone dovrebbero imparare a nuotare in quanto è una sensazione bellissima.

Quindi se ami nuotare o vuoi imparare a nuotare  va benissimo, anzi sono io il primo a dirti fai nuoto, ma se hai l’ernia e vuoi risolvere il tuo problema, allora il nuoto non è la miglior soluzione, anzi può peggiorare il tuo problema.

VUOI GUARIRE DALL’ERNIA DEL DISCO LOMBARE?

Se sei arrivato a leggere fina qua, avrai capito che non esiste un metodo o la ricetta magica per risolvere la causa che ha provocato l’ernia, ma è necessario fare una valutazione accurata per risolvere per sempre il problema.

Vuoi saperne di più in merito al mal di schiena?

Scarica subito il mio report GRATIS per il mal di schiena, CLICCA QUI

Se invece vuoi scoprire la causa del tuo mal di schiena allora prenota la tua consulenza GRATUITA.

Verrai contattato entro 24 ore lavorative.

CLICCA QUI

Non è mai troppo tardi per prendersi cura del proprio corpo! INIZIA ORA!

A presto, dott. Raffale Nannini

 

SEGUIMI SUI SOCIAL NETWORK:

TESTIMONIANZE:

SCOPRI LE 5 STRATEGIE PER ANNIENTARE IL DOLORE ALLA SCHIENA

Scarica gratis la mia guida